Un corretto regime alimentare sta alla base della buona salute di ogni individuo, in quanto gran parte dei disturbi dell'organismo sono di natura dismetabolica.
Assumendo cibi sani, naturali, privi di coloranti o conservanti di sintesi, preferibilmente non raffinati, il corpo e la mente traggono notevoli benefici che si traducono in uno stato generalizzato di benessere psico-fisico.
Uno dei principali presupposti per stare bene è quello di non accumulare chili di troppo, per non affaticare l'organismo nello svolgimento delle sue funzioni.

Principi metabolici per mantenere il normopeso


Ogni individuo è caratterizzato da un valore ideale del proprio peso corporeo che è definito "normopeso"; tale indice dipende dall'insieme delle reazioni metaboliche.
Quando si verificano processi di sintesi si parla di "anabolismo" che consiste nella produzione di molecole (ad esempio durante la sintesi proteica); quando si hanno processi di distruzione molecolare si parla di "catabolismo" (ad esempio durante la scissione di numerosi composti).
Attraverso l'alimentazione vengono introdotte delle calorie, di cui una parte è utilizzata per il corretto svolgimento dei processi metabolici, una parte viene trasformata in energia termica ed una parte viene accumulata.
Quando tale accumulo supera la soglia fisiologica, solitamente si crea un aumento di peso corporeo.
Per evitare tale inconveniente si possono attuare varie strategie comprendenti diete ipocaloriche accompagnate da attività sportiva; per facilitare il ritorno al normopeso si possono impiegare degli integratori dimagranti, la cui attività è rivolta al controllo dei processi metabolici.

Come funzionano gli integratori alimentari dimagranti


Si tratta di sostanze per lo più di origine naturale che hanno differenti meccanismi d'azione, e precisamente:
- agiscono sul tempo di transito intestinale del cibo riducendo l'assorbimento dei nutrienti;
- stimolano la termogenesi;
- favoriscono alcuni processi catabolici come l'ossidazione degli acidi grassi;
- aumentano la diuresi potenziando l'eliminazione di liquidi;
- diminuiscono lo stimolo della fame;
- velocizzano il metabolismo.

Che cos'é la piperina


La piperina è un alcaloide contenuto nel pepe nero a cui conferisce il caratteristico sapore pungente; si tratta di un composto largamente utilizzato grazie alle sue proprietà fitoterapiche sfruttate nella produzione di integratori dimagranti termogenici. Queste sostanze, definite comunemente come "brucia grassi", svolgono una marcata attività lipolitica, sciogliendo i pannicoli adiposi di solito localizzati in determinate zone del corpo (natiche, fianchi, interno cosce, schiena e ventre).
La piperina inoltre facilita la funzione digestiva incentivando la secrezione di saliva e di succo gastrico, e diminuendo l'assorbimento di sostanze a livello intestinale; questa azione agisce sinergicamente con quella termogenica aumentando l'efficacia dimagrante del principio attivo.
Se il processo digestivo non è efficiente di solito di instaurano fenomeni di ristagno degli alimenti con produzione di gas intestinali (meteorismo) e ritenzione idrica (edemi); in entrambi i casi si avrà un accumulo di adipociti.

Che cos'è la curcuma


La curcuma è una pianta originaria dell'Asia Meridionale, di cui si utilizza la radice contenente il principio attivo denominato curcumina, che presenta un sapore ed un aroma particolarmente intenso, molto simile a quello dello zafferano. Le sue numerose proprietà ne consentono l'impiego in molte preparazioni fitoterapiche, soprattutto grazie alla sua azione antiossidante nei confronti dei radicali liberi. Inoltre la curcuma stimola la colecisti a produrre la bile, favorendo in tal modo i processi digestivi ed assicurando un'efficace attività epatoprotettrice. Il meccanismo d'azione della curcumina è collegato alla sua attività stimolante sugli adipociti, che vengono incentivati a produrre adinopectina, una molecola che brucia le cellule lipidiche eliminando i pannicoli adiposi. Inoltre potenzia la sintesi di leptina, un ormone che controlla il centro della fame, garantendo una maggiore sensazione di sazietà. La curcuma contribuisce poi a normalizzare l'indice glicemico ematico evitando un'iperproduzione di insulina che potrebbe determinare un aumento del processo di lipogenesi con conseguente neo-formazione di accumuli adiposi.



Piperina e Curcuma, una sinergia vincente


Gli integratori a base di piperina e curcuma si rivelano particolarmente efficaci in quanto sfruttano la loro azione sinergica per ottenere un effetto termogenico di massimo livello.
Infatti i meccanismi d'azione sopra elencati consentono di ottenere risultati tangibili già dopo poche settimane di assunzione, realizzando un mix ideale per perdere peso in maniera assolutamente naturale.